ALESSANDRA NODARI

Sono laureata in psicologia. Ho iniziato il mio percorso formativo specialistico con lo psicodramma moreniano, cui sono grata per avermi insegnato che il gruppo è un luogo relazionale molto curativo e potente. Ho successivamente attraversato le strade della bioenergetica di Lowen, l’approccio al corpo e al suo linguaggio. Ho studiato, affascinata, il pensiero junghiano intorno alla coscienza, all’inconscio collettivo e al linguaggio dei simboli.

Il mio percorso è proseguito nell’approfondimento dei temi legati alla trasmissione transgenerazionale dei talenti e dei traumi: mi sono diplomata presso l’Accademia Internazionale di Psicogenealogia di Bologna che segue il pensiero e l’approccio di A.A. Schutzemberger sistemico e psicodrammatico. Ho quindi frequentato il percorso di formazione per conoscere e condurre le Costellazioni Familiari e Sistemiche all’approccio rituale ideato da Marco Massignan.

Sono una psicologa clinica e mi occupo principalmente di aiutare persone adulte, singoli o gruppi, a conoscersi, a comprendere e attraversare i momenti critici che riserva la vita…

Sono appassionata di linguaggio mitico e simbolico; gioco e lavoro con i Tarocchi e anche in questo ambito mi è maestra la psicologia junghiana, che propone la lettura psicologica e simbolica degli arcani, come specchio del percorso di individuazione.

Desidero offrire il mio contributo alla crescita della consapevolezza degli elementi che specificatamente caratterizzano l’approccio femminile al mondo e alle relazioni. Combatto ogni violenza, ma considero quella di genere un gravissimo problema e una piaga del mondo attuale e lavoro perché le donne possano uscire da circuiti di violenza psicologica, in primis, e poi economica e fisica.

Amo la vita di gruppo, il canto, le chiacchiere, il ballo.
Apprezzo la buona cucina, ma non sono una brava cuoca!

Sono bresciana, ho 54 anni e sono madre di tre figli.

Incontro anime attive grazie alla sintonia d’anima con Piera.
Spero di portare e ricevere un contributo leggero e profondo.